Menu

La storia
Tradizione e tanta passione

Facciamo vini di tradizione, non abbiamo paura di dirlo: siamo orgogliosi della nostra identità. Ogni vino che sa emozionare, deve saper raccontare una storia, la propria storia

Marziano Abbona

La storia della cantina Abbona è costellata di fatica e di scommesse, di fedeltà alla tradizione e passione per la sperimentazione: una storia che ha messo al centro del proprio lavoro la vigna e le colline delle Langhe, con particolare attenzione al territorio di Dogliani e al suo frutto più straordinario: il Dolcetto.

  • 1900-1960

    Papà Celso

    Una grande storia comincia da un incipit memorabile. Quello della cantina Abbona è rappresentato dal duro e geniale lavoro del primo Marziano e di suo figlio Celso. Capostipiti della famiglia e fondatori del primo nucleo aziendale, furono uomini severi e tradizionali, ma coraggiosi e lungimiranti.

    Celso Abbona fu tra i primi della sua generazione a credere nelle potenzialità del territorio di Dogliani e a valorizzare il vitigno che su queste colline era in grado di raggiungere l’eccellenza: il dolcetto.

    Assieme alla famiglia, barbatella dopo barbatella, Celso piantò il mitico vigneto di Bricco Doriolo in frazione Santa Lucia di Dogliani. Oggi, questa vigna non incarna soltanto la memoria storica dell’azienda, ma rappresenta uno dei più prestigiosi cru del Dogliani, dal quale si ottiene il vino simbolo dell’azienda: il Papà Celso, a lui dedicato.

  • 1960-1980

    La seconda generazione

    Alla morte di Celso, nel 1964, l’azienda passa nelle mani dei figli Marziano (che porta il nome del nonno) ed Enrico Abbona. Sono anni difficili e laboriosi. I fratelli trasformano quella che era un’azienda agricola tradizionale in un’attività vitivinicola specializzata. Cominciano i primi imbottigliamenti di Dolcetto sotto il marchio di famiglia e, sulle orme di Celso, continuano gli investimenti sul territorio e sulle vigne di Dogliani.

  • 1980-1990

    Le colline delle Langhe

    Nei primi anni ’80 Marziano ed Enrico guardano alle Langhe con rinnovato interesse, sfida e un pizzico di follia. Quando ancora il Barolo è una scommessa tutta da vincere, cercano nuovi appezzamenti sulle vicine colline di Monforte d’Alba e Novello, comuni da secoli vocati alla produzione del «Re dei vini». I due fratelli non si limitano ad acquistare terreni: scelgono ad uno ad uno gli appezzamenti e le posizioni migliori, i terreni più vocati e le parcelle storicamente considerate più prestigiose: Ravera a Novello; Bricco Barone e Rinaldi a Monforte d’Alba. Per queste aree la nozione di cru è ancora di là da venire, ma Marziano ed Enrico hanno già capito che solo i grandi vigneti hanno la forza di produrre i vini migliori.

  • 1990-2000

    Il ritorno a San Luigi

    Mentre la gamma dei vini si amplia e giungono importanti riconoscimenti internazionali, Mara Abbona, figlia di Marziano entra in azienda. È il 1999, anno in cui, purtroppo, Enrico Abbona viene a mancare a seguito di una grave malattia (a lui e allo zio di Marziano, entrambi di nome Enrico, verrà dedicato il Langhe Doc Rosso I due Ricu).

    Intanto, Marziano Abbona continua la ricerca e l’acquisto dei migliori appezzamenti del Barolo: Pressenda a Monforte d’Alba e Cerviano a Novello. Il 1996 vede la prima vendemmia del Cinerino, Langhe Doc Bianco da uve viognier: un esperimento concepito e fortemente voluto dall’amore di Marziano per i vini della Valle del Rodano, che segnerà un pezzo della storia aziendale e diverrà uno dei più originali e stimati bianchi delle Langhe.

    Sul finire degli anni ’90, i tempi sono maturi per costruire una nuova cantina al centro dei vigneti che hanno segnato la storia della famiglia Abbona. In Borgata San Luigi, cominciano i lavori di ristrutturazione e ampliamento dell’antica “Cascina Valle dell’Olmo”, che verrà inaugurata nel 2006. Il progetto è ambizioso: una grande cantina interrata capace di minimizzare l’impatto ambientale, dialogare tra presente e passato e accogliere, in un unico luogo, tutte le fasi della lavorazione del vino.

  • Anni 2000

    La forza della tradizione, il gusto per l’innovazione

    L’ingresso nel secondo millennio porta con sé parecchie novità: oltre alla cantina c’è il desiderio di intraprendere nuove direzioni e tracciare percorsi inediti.

    Seguendo lo spirito di sfida, intuizione e coraggio di papà Celso, tra il 2007 e 2008 nascono i Metodo Classico da uve chardonnay e pinot nero coltivate sulle colline di Dogliani. Agli spumanti, si affianca il Langhe Doc Rosso Zerosolfiti, uvaggio di dolcetto, barbera e nebbiolo prodotto solo nelle migliori annate, il cui contenuto di solforosa è inferiore ai 5 milligrammi per litro.

    Nel 2007 vengono celebrati i 30 anni della prima vendemmia del Papà Celso e l’anno seguente Chiara, la figlia più giovane di Marziano Abbona, entra a far parte dell’azienda.

    L’attenzione alle nuove generazioni e all’utilizzo delle moderne tecnologie spinge l’azienda a rinnovare la propria comunicazione attraverso l’uso di Internet e dei Social Network. Accanto alla comunicazione “virtuale”, si investono energie e risorse sull’accoglienza e le visite in cantina, momento privilegiato per conoscere la fatica, la passione e la lunga tradizione che da quasi un secolo la famiglia Abbona racconta attraverso suoi vini.

Ti aspettiamo in cantina!

Aperti alle visite su appuntamento.

Chiamaci al
+39 0173 721317

Borgata San Luigi, 40
12063 Dogliani (Cn)

Scrivici a
abbona@abbona.com